Sotto ‘a l’arco d’ ‘o Portone

 

 

 

A ‘o palazzo ‘e Benincasa,

addo’ ‘o Circolo sta ‘e casa,

‘nce sta ancora ‘na lesione

sotto a l’arco d’ ’o portone.

 

L’anziano tale e quale

comme fanno a ‘o Quirinale

per formare ‘o gabinette

con impegno se ‘nce mette.

Sente a ‘e zzite cuntignose,

sente a chi vo’ ciente cose,

sente a ‘o viecchie presidente,

sente all’ecchese tenente,

sente a chi ’na speranzella

s’annasconne sott’ ‘a ‘scella;

sente ‘e duje commendatore

e ‘o ‘ngegniere appaltatore,

sente a ‘o Sinneco ‘e Priato,

sente a ‘o giovane avvucato;

sente pure a Don Vicienze

e addimmanne:”che ne pienze?”

sente a Mario, che è dottore,

e pe’ a l’auto, ‘o direttore,

sente pure a’ o professore,

e ‘o cumpagne ‘e l’assessore,

sente a chillo e sente a chisto,

parla spiega e dice:” ‘Nsisto!

Metto a tutte sull’avvise

nun pazziammo cu ‘sta crise!”

 

L’anziano, tale e quale

comme fanno a ‘o Quirinale

suda e fa consultazione

p‘o guverno in formazione.

Ma alla fine, delusione!,

nun ‘a trova a soluzione;

e passanno al successore

ogni mossa posteriore,

comme fece un dì Pilato

‘e ddoje mane s’è lavato.

 

A ‘o palazzo ‘e Benincasa,

addo’ ‘o Circolo sta ‘e casa,

tene sempe ‘na  lesione

sotto a l’arco d’’o portone!

                    

                                                                                               (Aprile 1960)