S’è aggravata la lesione

 

A ‘o palazzo ‘e Benincasa,

addo ‘o Circolo sta ‘e casa,

s’è aggravata la lesione

sotto a l’arco d’’o portone.

Nun c ‘a fatta l’anziane

ca nce a strutte doje summane

pe’ apparà chella lesione

sotto a l’arco d’ ‘o portone.

Chillo piezzo ‘e furbacchione

pe’ nun fa cadè ‘o portone

ricurrette a chiste e a chille

pe’ bigliette a mille a mille.

Chi firmaie diecimile,

chi ne dette ventimile,

chi prumise ca ‘e darrà,

chi decette:”Che vuo’ fa?”.

Accussì ‘o puveriello

ca strudette duj cervielle

se  mettete a fa a pu’ a pu’

pe’ pavà con il “te-tu”.

Donn’Errico d’’o spitale

fa pur’ isso tale e quale,

Carminucce l’accumpagna,

e ripete ‘a stessa lagna.

Allo scopo, cu ‘o cappielle

chine ‘e sorde ‘e puverielle

se ne vanno a l’assemblea

addò fanno n’epopea.

L’anziano pe’ doje ore

parla comme a n’oratore,

ma ‘a sostanza d’’o parlà,

po’ fenisce pe‘ scuccià.

Quacche socio s’appapagna

(conseguenza d’ ‘a lasagna).

‘A sustanza ‘e tutta a scossa

s’arreduce a chesta mossa:

“P’ ‘o mumento ognuno desse

tutto  ‘o riesto vene appriesse.

 S’arrevota ‘a reunione

a sentì sta conclusione.

Gaitaniello ca è pagliette

discussione nun ammette,

Don Gaitano, l’anziano

va facenne tonna ‘a mano:

“Ccà succede ‘n’ecatomba

si pe’ poco scoppia ‘a mbomba.

Ccà nce vo’ l’assoluzione,

si no cade stu portone.

Cca succede ‘o parapiglio

cca succede ‘nu scumpiglio,

cca succede’o serra serra,

nce assettammo tutte ‘nterra!”.

Gaitaniello ‘nziste e attacche:

“Tu nce miette dint’ ‘e sacche.

Nun parlà d’assoluzione

cca nce vo’ la punizione.

Chi ha perduto addà pava’

chi ha sbagliato addà sburzà!”.

Don Mimì ca è giurnaliste

vo’ salvà a chillo e a chiste.

Don Attilio, ‘o ragioniere,

cu na posa ‘e giustiziere:

“Che significa ‘sto fatto?

Pava ‘o male chi l’ha fatto!”.

Gaitaniello ‘ncasa ‘a mano

cu na voce de suprano;

fa ‘n’accenno a ‘o pistolotto,

e fenisce a quarantotto.

Se ribella Don Vicienze:

 “Voi mancate di coscienze!

Non avete comprensione!

io vi invito alla ragione!”.

Po’ s’arriva a mezzanotte:

chi ‘a vo’ cruda e chi ‘a vo’ cotta;

chi vo’ ‘a pace e chi vo’ ‘a guerra;

chi p’ ’o suonno guarda ‘nterra.

Alla fine l’anziano,

ogni sforzo visto vano,

nun putenne cchiù apparà,

nun sapenno cchiù che fà:

“Basta!”, dice a voce mosce

cu ‘a core n’miezzo ‘e cosce:

“Cheste ccarte mo’ ve lascio

e m’avvio ‘a parta ‘e vascio!”

A ‘o palazze ‘e Benincasa

addò ‘o Circolo sta ‘e casa,

se fa grossa la lesione

sotto a l’arco d’ ‘o portone.

Io ca sulo vierse faccio,

nun me ‘ntrigo e nun me ‘mbaccio:

sto a guardà che pò succede

si ‘a lesione piglia pede.

A ‘o palazze ‘e Benincasa

addò ‘o Circolo sta ‘e casa,

se fa grossa la lesione

sotto a l’arco d’ ‘o portone.

 

                                                                                                (Maggio 1960)