A ‘u palazzo ‘e Benincasa

 

A ‘u palazzo ‘e Benincasa,

addo’ ‘o Circule sta ‘e casa,

sgarrupossi la lesione

nzieme all’arche d’ ‘u pertone.

 

E p’ ‘e mmane ‘e l’anziane

doppe a tanta cose strane

doppe a tanta molle e tire

doppe a tante chiagne e rire,

stanne nterra sparpagliate

tra le pietre e le travate,

sentimento dell’onore

correttezze da signore,

  gentilezze e tradizione

di un passato d’eccezione.

Ma si l’arche è sgarrupate

‘e rragione cne so’ state.

 

È finita ‘a tradizione

addie balle, addie cenone

doppe a tanta riunione

doppe a tante discussione.

 

È scumparse ‘u Sociale.

Comme fine non c’è male

se ne ghute zittu-zitte

il ritrovo dell’elitte.

 

Se n’è ghiute dint’a Ville

Senza fa manche nu strille,

dopo un secolo d’onore

fatto tutto di splendore.

 

Se n’è ghiute a la malore,

ed a me se stregne ‘u core;

un amico mi conforta:

“Che vuo fà, è na brutta sciorta!”

 

Là è n’ambiente assai sportive,

là nge sta l’argiente vive

là nce sta na gran piscina

ch’è na cosa overe fina.

 

Ma i so’ comme a Tagliarielle,

penzo a cheste e penzo a chelle,

penzo a’u ditto paisane

sempe overo, cose  strane:

 

“Dinte a Cava ‘a gente ‘e fore

sempe sempe ha cummannate;

e perciò, ca se ne more

‘o Suciale nzemme a ll’ate!

 

Dinta a Cava ‘a gente ‘e fore

Tutt’u meglio ha nzeffunnate!”

 

                                                                                          (Ottobre 1961)