‘A puliteca sta ‘e casa

 

Mo’ ‘a puliteca sta ‘e casa

a ‘o palazzo ‘e Benincasa:

tutte ‘e  juorne gran concione

pe le prossime elezione.

Elettore e candidate

Stanno a mise llà mpalate:

chi ragione e chi scumbina,

chi sta gerne, e chi cammina.

Chi pe’ ‘nnanz’ ‘e putechelle

Leva ‘a capa a Muscarielle;

chi s’ammocca ‘nd’a Civale

quanne torna a l’ospedale!

Chi se scorde d’ ‘e malate

pe’ pensà ch’è candidate!

Chi se zuca ‘e lliquerizie

e s’avvia pe’ nu comizie!

Chi s’appoggia a “Topoline”,

chi è cumpagne cu Cecchine,

chi passea cu ‘o comuniste,

e cammina piste piste!

Chi se gratta ‘o lampione

e se smirce a ddoje guaglione;

chi s’ ‘a squaglia e va in Pretura

pecchè ‘a storia troppe dura!

Chi s’avvia p’o magazzine

e se scorda de Mazzine;

che se scorda d’ ‘a noblesse

e Cruscioffe ccà vulesse!

Chi abbandona a Don Mimì

pe’ scappà a fa’ pipì!

Chi se vede già Assessore

e se sente triunfatore!

 Non so’ sule ‘e comuniste,

ma so’ pure ‘e democriste:

‘nc‘è perfine chi sghignazze

‘nziemm’ ‘o miedeco d’ ‘e pazze!

Passa ‘o  re d’ ‘e parzunare

cu ‘nu cuofene ‘e denare:

e po’ poste de ministre

fa a vedè ca è s’ ‘e ssinistre!

Fanno amice sott’o bracce,

ma vedisse cu che facce!

Quacchedune ‘mpettorute

e quaccauto zitte e mute!

Elettore e candidate

stanno a mise llà ‘mpalate:

mo ‘a puliteca sta ‘e casa

a ‘o palazzo ‘e Benincasa!

 

                                                                                                   (Ottobre 1960)