LE NUBI E LA STELLA

 

Stasera,

nel cielo coperto di nubi,

è spuntata una stella.

M’è parso che anch’essa

ridesse con noi,

compagna segreta

nell’intima gioia.

Vittoria !

Le nubi, cortesi,

si son diradate:

Lasciate, lasciate

- hanno detto –

Lasciate che brilli più bella

quest’umile stella !

Stasera è il trionfo del bene

è il trionfo d’un cuore,

trionfa sul male l’amore !”.

…E il cielo s’è terso.

E a cento,

a mille, a milioni,

le stelle stasera

occhieggiano a gloria…

Vittoria ! Vittoria !

 

CAPILLE D’ARGIENTO

 

Pecchè tu hè scegliuto ‘sta strata

Pe’ dirme sti ccose ?

‘Sta polvera ianca,

sti prete, sti frasche addurose,

stu muro addò stive assettata

pallida e stanca

aspettanno,

mme parlano ‘e tanno.

 

So’ triste ‘e ricorde, o so’ ddoce ?

Lasciammo,

lasciammo ‘sta strata.

Stu sole ce scoce.

Ce pésano ncuollo sti panne.

Mo tutta na vita è passata…

Quant’anne ?... Tant’anne…

Scappammo.

P’ ‘a polvera ianca’e ‘sta strata,

p’ ‘a polvera e ‘o viento

tu hè fatto ‘e capille d’argiento.

 

‘A GIUVENTÙ

 

E chiove !... Chiagne ‘o cielo a ffuntanelle.

Chiàgneno ‘e llastre. E io dint’ ‘o balcone

Chiagnenno guardo… Sott’a nu purtone

Stanno pazzianno cierti guagliuncielle,

 

e métteno int’ ‘a lava ‘e bbarchetelle.

Quanta belli ricorde d’ ‘e ppassione

Passate…’e quanno io pure ero guaglione !

Quanta ricorde ‘e chilli tiempe belle !

 

Veco na barca ‘e carta ca p’ ‘a strata

Sturzellànnese corre. Sento ‘o sango

Ca mme sbolle: essa è comme ‘a giuventù,

 

‘a giuventù, ca corre spenziarata

Pur’essa, dint’ ‘e pprete e dint’ ‘o fango,

e se ne va pe’ nun turnà ma cchiù