Passero sulitario

              (dal Leopardi)

Tu cante ‘a coppo a chesta torre antica,

passero sulitario, fino a quanno

tramonta ‘o sole, e n’armunia se sente

p’ ‘o silenzio  d’ ‘a  valle e d’ ‘a campagna.

Tu cante pe’ tramente

pe’ ll’aria luce ‘a primmavera, e tante

bella se fa ca ntennerisce ‘o core.

Attuorno sento vacche e pecurelle.

Ll’ate aucielle, vulanne a zerri-zerre,

fanno a chi mette ‘a coppo, alleramente,

pe’ stu cielo ca è tutto nu sbrennore.

Tu staje lloco, a’ spartata, e tiene mente

penzaruso; nun vuole,

nun vuò cumpagne nè allegria, ma passe

senza feste nè spasse

‘o tiempo  e  ‘a  vita fatte pe’ fa’ ammore.

 

Mm’arrassumiglie assaje,

passero mio. Spasse e resate, tanto

belle p’ ‘a giuventù, nun voglio maje...

E tu, suspiro amaro pe’ chi è viecchio,

d’ ‘a giuventù frate carnale.  Ammore,

si’ trascurato ‘a me,  nun saccio comme !

So’ assaje scuntruso, e, quanno

tu viene, te ne manno,

Comm’a n’estraneo campo

ll’età cchiù bella mia,  ccà,  addò  so’ nato.

‘O paese sta nfesta: hanno sparato

fuoche pe’ tutte pizze allegramente,

fino a mo, fino a tarde, e ancora a gloria

da ‘o campanaro scampanià se sente.

Tutta vestuta a festa

sta  ‘a giuventù, ca jèsce

da ‘e ccase a passià dint’ ‘o paese;

e, guardanno, è guardata, e se nne prèa...

Sulitario int’a chesta

parte scurdata d’ ‘a campagna io resto,

e niente cchiù mme piace,

e tutto mme rincresce...

«Dimane se ne parla !»  dico ‘e chello

ca mmo pe’ fa felice...

E fernesce ‘a jurnata. E già luntano

sta ‘o sole scumaprenno,

e, scumparenne, pare ca mme dice

ca ‘a meglia giuventù se ne sta jenno !

 

Quanno d’ ‘a vita toja ll’ore cuntate

tiene, aucelluzzo sulitario, certo

nun te lagne d’ ‘a sciorta

ca t’ è attuccata, si accussì so’ fatte

d’ ‘a natura ll’aucielle.

Ma quanno st’anne belle

pe’ me so’ già passate

pe’ sempe, e inutilmente,

e murì primma d’ ‘a vicchiaja triste

nun mm’ è stato cuncesso,  e ‘o munno attuorno

è cupo e niro e nun mm’offre cchiù niente,

che mme resta d’ ‘o sfizio

‘e campà sule comme sto’ campanno ?

Mme pento, ahimè ! Ma tanno

mme voto arreto scunzulatamente !

 

                                              E. A. MARIO