’O VINO BUONO...

 

‘I vaco cierti ssere

A na cantina ca sta dint’ ‘o vico...

È inutile ca ‘o dico

stu nomme: certo, o «vico Alabardiere»,

o  «vico Lammatare», o «vico Afflitto»,

fa ‘o stesso, pure si nun ll’aggiu ditto.

 

I’ voglio di’ ca vaco

Llà pecchè trovo ‘o vino ca è sincero,

prufumato e liggiero,

ca cchiù mm’ ‘o bevo e cchiù nun mme mbriaco.

E ‘o vino, quanno nun è traditore,

‘o chhiù ‘o cchiù te mette ‘e buonumore.

 

E chillu canteniere

è amabile e curtese cu’ ‘e sciacquante.

Dà retta a tuttequnte:

- «Caro don Ciccio !» - «Ossequii, cavaliere !»

Po’, quanno se fa ‘o tuocco, è ‘o princepale

ca accumencia: - «Hadda essere ‘a Pascale !»

I’ pure stengo ‘e ddéta,

ca, si se sape sta’ dint’ ‘a pazzia,

mme mette in allegria,

ll’allegria ‘e ‘sta gente analfabeta,

‘sta gente, insomma, ca nun s’è guastata

Comme se guasta ‘a gente alletterata.

 

Pure si se discute

- e nun ce manca certo ‘o comunista

o chi è sempe fascista-

so’ questione ca durano minute:

s’addimostrano, insomme, cchiù educate

e cchiù sincere ‘e cierti deputate.

 

Forse sarrà stu vino

ca, pecchè è buono, ‘e mmette ‘e buonumore.

No, nun è traditore,

si ogne bicchiere pare nu rubino !

E ognuno ‘e lloro beve, e s’accujeta...

E i’ pure bevo, e torno a fa’ ‘ pueta !

 

                                                        E. A. MARIO