Al carissimo lettore

 

 

Al carissimo lettore

raccumanne u redattore

si s’appile u funtanine

o n’ce vo na lampadine

a Priate o arret’a Sala,

o u spazzine sporca e scale,

quanne vene ogne matine

col gran sacco arrete e rine.

Basta dirlo al dirigente

ben preciso e onniveggente.

Quello saie che cosa fa ?

Per poterti accontentà ?

Se lo segna n’du libretto

che poi in tasca si rimette

e con quell’annotazione

t’à risolta apusizione.

Tu l’aspiette a mise sane !

Tutto arriverà do.ma(n)i !

 

Al carissimo lettore

raccumanne u redattore

nun passà pu Purgatorio

pecchè a tutti è ben notorio

(tranne al Sindaco, s’intende

ca a sta recchia nun n’ge sente)

là n’ce sta nu brutte cane

chiù feroce e nu caimane

ca si afferra la tua coscia

t’arreduce a na paposcia.

Si te portano au spitale

dice allora: menu’ male !

 

Al carissimo lettore

raccumanne u redattore

si t’arriva nu parente

professone oppur studente

ca Pumpeio vò visità

e l’antica gran città

Nun partì, nun ascì pazze

Accumpagnalo alla piazza

ca st’arrete u Viscuvade

chine e rudere e travate.

Tu farraie nu figurone

è na specie e Partenone.

 

CANTANS

 

(da il Pungolo n° 4 del 2 giugno 1962)